Chiamate Matteo

Il Sindaco Marino ha ritirato le dimissioni.

Adesso si dimetteranno i 19 consiglieri del PD.
No, forse solo 15, oppure 12, o 10.
Il PD chiederà ai rappresentanti delle opposizioni di dimettersi anche loro ma senza garanzie.
Nel frattempo, nel consiglio comunale consiglieri dimissionari voteranno (con chi?, con le destre?, la mozione in campo del M5S?) per “sfiduciare” un sindaco non più dimissionario.

– No, contrordine: non ci si dimette più, si vota la mozione …
– quale mozione? Dov’è?
– Ah, sì, c’è quella del M5S, votiamo quella.
– No, non si può votare la mozione a quelli, poi sai che romanzetti sul sacro blog…
– Allora presentiamo una mozione noi.
– Ok, la potremo votare non prima di 10 giorni e non più tardi di 30. Ma quelli che fanno, ce la votano?
– Boh?! Noi non gli abbiamo voluto votare la loro.
– Ok, riunite i conisglieri.
– Chi, quelli dimissionari o quelli non dimissionari?
– Ma i consiglieri dimissionari hanno 20 giorni per ripensarci o meno (o più)?
– Ma riusciranno ad essere nel pieno dei loro poteri in tempo per votare la mozione di sfiducia?
– Non lo so, non lo so: chiamate Matteo.
– Quale Matteo?
– Quell’altro.
– Non risponde
– Ok, allora facciamo così: non gli votiamo il bilancio; lo mandiamo sotto e poi il Governo lo commissaria. Entro dicembre, massimo gennaio, ce la facciamo.
– Quindi non si dimettono i consiglieri?
– Non lo so!
– Che dice Matteo?
– Quale Matteo?
– Quell’altro.
….

Spermarino

Advertisements
This entry was posted in Politica, Roma and tagged , , , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s