Quelle frontiere dell’ambivalenza

“Introduzione ai media digitali” di Adam arvidsson e Alessandro Delfanti per Il Mulino

Se è vero che ogni nuovo mezzo di comunicazione trova una sua legittimazione perché riempie un vuoto o perché realizza una promessa non mantenuta del medium che lo ha preceduto, la parola nuovi media si qualifica soprattutto per la promessa di democratizzare la produzione e l’accesso a informazioni, conoscenze e contenuti artistici e culturali. Adam Arvidsson e Alessandro Delfanti (Introduzione ai media digitali, Il Mulino, 169 p. 14 €) scelgono il termine “media digitali”, sia perché non è più tempo di utopie, sia perché sono ormai talmente diffusi e pervasivi da essere perfettamente integrati nelle nostre vite
di tutti i giorni, sì da aver perso quell’attributo di novità e, insieme ad esso, gran parte della loro carica rivoluzionaria.

Oggi il computer, i videogiochi, il cellulare il web hanno trovato la propria sistemazione integrandosi con i media precedenti, talora rivitalizzandoli, spesso confondendosi con essi. Eppure possiedono delle caratteristiche – sono multimediali, convergenti, ipertestuali, distribuiti, interattivi, sociali e mobili – in grado di differenziarli dai media tradizionali e che aiutano a spiegarne il profondo impatto esercitato in molti ambiti.

I media digitali hanno sempre viaggiato sul confine tra lavoro, socialità e gioco. E proprio tale caratteristica di frontiera li rende multidimensionali, intrinsecamente ambivalenti e adatti ad essere interpretati da punti di vista molto diversi. Uno strumento impiegato dal capitale per aumentare la produttività del lavoro, mediante l’automazione e la nuova organizzazione del lavoro basata sul governo dei flussi informativi; per spezzare il potere contrattuale della classe operaia, con la redistribuzione del potere globale; per “mettere al lavoro” anche la socialità e il tempo libero, attraverso l’estrazione di valore dalle complesse
interazioni situate nelle reti sociali online. La stessa ondata innovativa può però dar luogo a concrete utopie libertarie, a movimenti reali che praticano la disintermediazione di figure parassitarie fondate su di una rendita di posizione: gerarchie di potere, pesanti e burocratiche multinazionali dell’industria culturale, pratiche giornalistiche obsolete, la stessa industria delle telecomunicazioni e dell’informatica alla base della rivoluzione digitale.

L’indebolimento delle solide posizioni garantite dall’assetto moderno si accompagna al nuovo dinamismo dei movimenti, alla socialità della collaborazione diffusa. Relazioni deboli si sostituiscono a legami forti e la produzione sociale diffusa si erge nella pretesa di sfidare i templi dell’elaborazione culturale, scientifica, politica. I flussi governano i luoghi, la forza dei movimenti di fronte all’immobilismo dei partiti, un’intera generazione di intellettuali incapace di orientare l’opinione pubblica, sempre più ingovernabile.

Tali cambiamenti, riconoscono Arvidsson e Delfanti, vanno tuttavia spogliati della retorica democratica che solitamente contraddistingue i discorsi che se ne occupano. Con le nuove tecnologie nascono anche nuove forme di censura e controllo sociale e i poteri esistenti possono risultarne rafforzati anziché indeboliti.

La storia delle tecnologie informatiche è radicata nei mutamenti economici, politici e sociali che ne hanno permesso la nascita e che ne determinano le traiettorie di sviluppo, in cui convivono istanze di controllo e di liberazione, e che progredisce per scarti successivi, avanzando sull’onda del conflitto fra questi due momenti e ponendosi, al tempo stesso come motore di un profondo mutamento nelle relazioni sociali.

La trasformazione del computer da tecnologia burocratico-militare a elettrodomestico e centro di intrattenimento per le famiglie e la parallela evoluzione di Internet furono in realtà il frutto dell’appropriazione e della riconfigurazione delle nuove tecnologie da parte di hacker, attivisti dei movimenti degli anni ’60 e ’70, industria dei videogames e aspiranti imprenditori della Silicon Valley. Da qui è riconducibile la cultura della partecipazione, che spinge gli utenti a contribuire alla produzione di informazione in forma libera, svincolata dalle dinamiche canoniche dell’industria culturale e che ha prodotto beni comuni fondamentali, come il software libero o la stessa architettura aperta e decentrata
dell’odierna internet.

Chi volesse avvicinarsi all’argomento troverebbe in questa agile introduzione un materiale articolato, in cui la prospettiva sociologica si integra con quella storica e con l’analisi economica. Punto di partenza non ideologico per ulteriori, necessari, approfondimenti.

Pubblicato su “Il Manifesto” del 26 aprile 2013

Advertisements
This entry was posted in Economia della conoscenza, Internet, Libri, Media, Politica, Sfera pubblica. Bookmark the permalink.

One Response to Quelle frontiere dell’ambivalenza

  1. GP says:

    Reblogged this on misentopop.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s